giovedì 9 novembre 2017

Come arredare casa con stufe a pellet dal design unico



Da alcuni anni qualcosa è cambiato in maniera irreversibile nella concezione degli strumenti per il riscaldamento e quindi per il comfort della casa. Abbandonando un criterio ormai obsoleto che relegava una stufa a semplice “macchina”, un numero sempre crescente di aziende ha compreso il desiderio di qualcosa di diverso da parte del pubblico e lo ha interpretato.
Questi produttori sono stati facilitati in una simile missione anche dallo sviluppo della tecnologia, con la crescita della combustione a pellet.

La stufa a pellet come complemento di arredo

Una stufa di questo tipo, che sia essa per il solo riscaldamento degli ambienti o anche dell’acqua per usi sanitari, è un pulsante cuore ad alta tecnologia racchiuso in involucri che in molti casi hanno riscritto da zero le regole dell’arredamento di interni, un settore che grazie all’alta scuola italiana del mobile è sempre stato in continuo fermento ma che ha saputo aggiungere ed integrare elementi tecnici quali le stufe a pellet ammantandole di uno status di complementi di arredo a tutti gli effetti.

Lo stereotipo convenzionale della stufa come meccanismo quasi intruso nella zona living perché non armonizzato con le sue linee e geometrie è ormai tramontato: noi ne abbiamo avuto una prova tangibile esplorando il vasto showroom di Tolomello Mobili, riconosciuto per il prestigio delle sue soluzioni di arredamento a Napoli.
In uno spazio recentemente ristrutturato nel quale protagonisti assoluti sono gli arredi moderni in tutte le più attuali ed aggiornate tendenze dell’interior design, abbiamo scoperto che sono molto più di angoli da tenere nascosti i centimetri che vengono riservati alle stufe in una zona living, in special modo nel caso di quelle alimentate a pellet.

Riscaldamento e design

Rivestimenti in maiolica o interamente in vetro, porte frontali interamente trasparenti che incorniciano un vero effetto focolare, linee e rotondità dalle geometrie studiatissime: sono i punti di forza di tantissime delle stufe in commercio e che godono adesso di ruoli da primadonna dei soggiorni e nei salotti del terzo millennio!
Le forme più tradizionali sono state riscritte e ridefinite a volte anche con criteri barocchi, per una sinuosità alla quale concorrono dettagli e rifiniture ideati da maestri artigiani. A queste stufe si possono poi facilmente associare integrando il proprio sistema di riscaldamento anche i più moderni radiatori di design, per i quali stiamo assistendo allo stesso tipo di “sdoganamento” da parte degli architetti, sempre più portati a declinare dei banali termosifoni in pezzi raffinati di arredamento.

I vantaggi delle stufe a pellet

Non possiamo inoltre trascurare il risvolto ecologico di una simile rivoluzione: una stufa a pellet brucia infatti un combustibile non solo più economico, ma anche più “green” per via della sua rinnovabilità e della sua origine.
Si tratta infatti, quando si sceglie un pellet di alta qualità – e vi diffidiamo anche solo dal pensare ad un tipo più scadente! – di un prodotto ottenuto dal riciclo e recupero di inutilizzabili scarti di lavorazione del legno, che così invece dopo un opportuno trattamento restano e rientrano nel circolo.
La loro combustione è sicura sotto ogni aspetto, e con i dovuti accorgimenti è anche in grado di offrire una resa maggiore, a parità di esercizio, rispetto ai combustibili fossili più comunemente utilizzati per le caldaie.

Arredare la propria casa partendo dall’idea di dotarsi di una stufa a pellet si rivela in definitiva una scelta smart sotto tantissimi aspetti!

Nessun commento:

Posta un commento